Ci diciamo loscuro. La storia damore tra Ingeborg Bachmann e Paul Celan.pdf

Ci diciamo loscuro. La storia damore tra Ingeborg Bachmann e Paul Celan

Helmut Böttiger

«Ci diciamo loscuro / ci amiamo lun laltra come papavero e memoria». Nel 1948, a Vienna, Paul Celan dedica questi versi a Ingeborg Bachmann. Il componimento, Corona, celebra il fatale incontro di due anime che parlano la stessa lingua, la lingua «oscura» della poesia, e che si uniscono come il papavero e la memoria, loblio e il ricordo. Nella primavera di quellanno i due poeti si ritrovano a Vienna per vie e ragioni molto diverse. Morti i genitori in un campo di concentramento in Ucraina ed entrata Czernowitz, la sua città natale, a far parte dellUnione Sovietica, il ventisettenne Celan ripara dapprima a Bucarest e poi, dopo una lunga e pericolosa fuga a piedi durata intere settimane, nella capitale austriaca. Occupata da quattro potenze straniere, nel 1948 Vienna è la città delle spie, della criminalità politica ed economica, dei grandi spacciatori e dei piccoli trafficanti. È la città anche degli ebrei scampati alla deportazione, sradicati che, come Celan, hanno perso la propria Heimat, il luogo natio. Ingeborg Bachmann è a Vienna per una Heimatlosigkeit di tuttaltra specie. Ha solo ventidue anni, ma nella capitale austriaca - raggiunta a diciotto anni per studiarvi e sfuggire a quella Carinzia e a quel padre che hanno accolto con entusiasmo il nazismo - è già una promettente giovane autrice. I due poeti trascorrono sei settimane insieme. Un incontro esplosivo che lascia tracce indelebili nellesistenza delluno e dellaltra. Un incontro, tuttavia, segnato anche da sentimenti di incertezza e di insicurezza. A Vienna, Celan si scontra ovunque con segnali che testimoniano il perdurare dellantisemitismo e dellideologia nazista. La capitale austriaca non può essere perciò la sua Heimat. Fugge a Parigi, dove però i fantasmi e gli incubi della Shoah continuano a perseguitarlo. Ingeborg Bachmann, dal canto suo, va incontro a un destino tragico dopo la fine della sua relazione con Max Frisch. Helmut Bottiger ricostruisce la storia dei due poeti dal loro primo incontro fino agli anni della loro «catastrofe parallela», i primi anni Settanta. La storia di un amore struggente che troverà il suo epilogo nelle parole contenute in Malina, lultimo libro della Bachmann pubblicato dopo la sua morte: «La mia vita finisce perché lui è annegato nel fiume durante la deportazione, era la mia vita».

un mondo senza patria e senza radici. Tra i maggiori interpreti di questo sentimento ci sono i nostri autori: Ingeborg Bachmann e Paul Celan. Entrambi testimoniano nella loro produzione letteraria la possibilità di «scrivere dopo Auschwitz», osteggiando il monito che Adorno aveva lanciato, ed elaborano,

9.37 MB Dimensione del file
885451702X ISBN
Ci diciamo loscuro. La storia damore tra Ingeborg Bachmann e Paul Celan.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.fotovoltaicipulizia.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Ci diciamo l'oscuro. La storia d'amore tra Ingeborg Bachmann e Paul Celan Helmut Bottiger

avatar
Mattio Mazio

27 set 2008 ... E' uscito con quindici anni di anticipo il carteggio tra i due più grandi poeti del ... annunciava Paul Celan in una delle sue poesie più belle e più note, “Corona”, ... si era sgranato sui “Ci guardiamo / Ci diciamo cose oscure / Ci amiamo l'un ... e distribuisse in versi le pietre miliari della loro storia, Ingeborg, ...

avatar
Noels Schulzzi

La storia d'amore tra Ingeborg Bachmann e Paul Celan: «Ci diciamo l'oscuro / ci amiamo l'un l'altra come papavero e memoria». Nel 1948, a Vienna, Paul Celan dedica questi versi a Ingeborg Bachmann. Il componimento, "Corona", celebra il fatale incontro di due anime che parlano la stessa lingua, la lingua «oscura» della poesia, e che si uniscono come il papavero e la memoria, l'oblio e il

avatar
Jason Statham

Ci diciamo l'oscuro. La storia d'amore tra Ingeborg Bachmann e Paul Celan libro Böttiger Helmut edizioni Neri Pozza collana I narratori delle tavole , 2019

avatar
Jessica Kolhmann

27 set 2008 ... E' uscito con quindici anni di anticipo il carteggio tra i due più grandi poeti del ... annunciava Paul Celan in una delle sue poesie più belle e più note, “Corona”, ... si era sgranato sui “Ci guardiamo / Ci diciamo cose oscure / Ci amiamo l'un ... e distribuisse in versi le pietre miliari della loro storia, Ingeborg, ...