Combattere lo smog con gli impianti fotovoltaici

Giovedì, 26 Gennaio 2017
Combattere lo smog con gli impianti fotovoltaici

L’inquinamento in Italia è alle stelle. Le polveri sottili hanno superato il limite consentito anche grazie all’anticiclone che persevera sulla penisola. Queste pessime condizioni rappresentano la culla ideale per l’aumento dello smog e la maggiore concentrazione di polveri sottili (soprattutto PM10).

I blocchi del traffico e il più consapevole utilizzo di impianti a energia rinnovabile può aiutare a tenere sotto controllo l’inquinamento dell’aria. Una tra le migliori tecnologie è sicuramente quella fotovoltaica. Ecco tutti i vantaggi nell’utilizzo dell’energia del sole.

I vantaggi dell’installazione di un impianto fotovoltaico

Un impianto fotovoltaico è l’installazione che sfrutta la luce del sole per generare corrente elettrica grazie all’effetto fotovoltaico. Le due principali componenti sono i pannelli, che catturano l’energia dei raggi luminosi e l’inverter, che converte la corrente prodotta al fine di renderla utilizzabile dagli impianti.

Perché scegliere di installare un impianto fotovoltaico?

  • Vantaggio ambientale: non utilizza combustibili fossili
  • Affidabilità
  • Lunga durata e possibilità di modificarne la potenza

Fotovoltaico e condomini: un binomio possibile

L’installazione di un impianto fotovoltaico può avvenire a terra, su facciate, su terrazze e balconi o sopra i tetti degli edifici, grazie alla presenza di un telaio. Nel caso specifico del condominio esistono due strategie:

  • se il condominio è il soggetto responsabile dell’impianto, esso può essere installato nelle parti comuni e produrre energia per tutti i condòmini
  • se è una parte di condòmini a richiederlo, allora la domanda dovrà ricevere l’autorizzazione dell’intero condominio

Come funziona un impianto fotovoltaico in caso di cattive condizioni di tempo

In caso di pioggia, condizione avversa all’ottimale funzionamento dei pannelli solari, è bene ricordare che un buon impianto fotovoltaico è progettato per catturare la luce del sole anche in caso di brutto tempo.

Se le condizioni atmosferiche sono avverse e data la minor potenza della luce, l’unica cosa che conta davvero è che la struttura sia stata progettata per reggere il peso maggiore (causato dal deposito di neve, per esempio).

Ad ogni modo, che l’impianto sia installato a terra o sul tetto, che l’edificio sia pubblico, privato o di grandi dimensioni come per un impianto aziendale, ciò che conta è la sua pulizia: una garanzia perché l’impianto del sole funzioni perfettamente e nel modo più efficiente possibile.

Il rendimento dei pannelli dipende strettamente dalle condizioni fisiche dei pannelli. Non solo dimensioni, inclinazione e contesto ambientale: la pulizia dei pannelli fotovoltaici è la caratteristica che più possiamo tenere sotto controllo e migliorare.

Ultime News

I pannelli non sono autopulenti! Come e quando pulire i pannelli solari
16/02/2017

È vero, siamo ancora in inverno! Ma cosa dire dei pannelli solari sui tetti oggi ancora ricoperti da ghiaccio e neve? Allontana l’idea che gli impianti del sole si puliscano da soli e...

Combattere lo smog con gli impianti fotovoltaici
26/01/2017

L’inquinamento in Italia è alle stelle. Le polveri sottili hanno superato il limite consentito anche grazie all’anticiclone che persevera sulla penisola...

L’industria fotovoltaica europea cerca la riscossa
19/01/2017

L’ingresso sul mercato del fotovoltaico della presenza orientale ha causato il temporaneo tramonto dell’industria solare europea. Tuttavia, la battaglia...